Non solo pane

Tigella modenese

Added on
Settembre 20, 2018

Tigella modenese

 

 

Difficoltà:

Bassa

Preparazione:

30 min

Lievitazione:

12-24 ore

Ingredienti per 6 persone:

-500 g di farina tipo 0 macinata a pietra

-80 g di strutto

-12 g di sale

-6 g di zucchero

-300 g di acqua tiepida

-1 bustina di lievito secco in polvere

Procedimento:

 

1
2

 

 

 

 

 

3

 

 

 

 

 

 

In un recipiente(1) versiamo i nostri ingredienti e cominciamo a mescolare con un cucchiaio di legno ,aggiungendo un po’ alla volta l’acqua, per ultimo il sale. Trasferiamo sulla spianatoia(2) e incominciamo a lavorare l’impasto per tigella modenese fino a formare un panetto(3) che copriremo con un canovaccio lasciandolo riposare per 15 minuti.

4

 

 

 

 

 

 

Riprendiamo il panetto o lavoriamo ancora e lo riponiamo nel recipiente coperto con pellicola(4) o con coperchio, e lo mettiamo a lievitare nella parte bassa del frigorifero dove si conservano le verdure per un tempo che può variare dalle 12 alle 24 ore.

5

 

 

 

 

 

 

Trascorso il tempo di lievitazione, togliamo dal frigo lasciamo riposare per almeno 1 ora a temperatura ambiente. Trascorso il temo di riposo con il matterello otteniamo una sfoglia di un spessore di 3 mm,(5), da cui ricaveremo dei dischi di circa 10 cm di diametro.

6
7

 

 

 

 

 

 

8
9

 

 

 

 

 

 

Scaldiamo l’apposito ferro per Tigella modenese (6),cinque minuti per lato,ungiamo l’interno con dello strutto (7) , posizioniamo all interno i dischi ottenuti(8) , cucendoli 8 minuti rigirandosi più volte ed ecco pronte le tigelle (9) . Farcite la tigella modenese con salumi e formaggi a pasta molle e servite immediatamente ancora calde, sentirete che bontà. Per infornazioni sul ferro per tigella consultate pure il link qui sotto :

https://amzn.to/2OK8lWV

 

L’impasto della tigella modenese , viene ritagliato con  un coppa pasta, sarebbe meglio cuocerle con l’apposito ferro per cialde, ma in mancanza anche in una padella con fondo antiaderente, rigirandole un po’ per lato a completarne la cottura. Grazie e arrivederci alla prossima ricetta.

 

 

Cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

lorsoconlemaninpasta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: